HOME LIBRI  VIDEO  Mercatino NEWSLETTER

"Notizie dalla Terra Santa"

 

Anno VI - 2010

                                    www.TerraSantaLibera.org         www.HolyLandFree.org

Questa Redazione, pur non condividendo sempre e necessariamente tutte le dichiarazioni degli autori nei testi citati, reputa che esse siano comunque utili fonti di informazione e riflessione.

Non omologati in alcun schieramento, in rispetto della libertà di pensiero e d'espressione garantite costituzionalmente, riteniamo irrinunciabile e giusto dare spazio a molte voci del dissenso, altrove negate.

Nuovi insediamenti a Gerusalemme est

Via libera da parte di Israele e schiaffo al vicepresidente Usa, Joe Biden, in visita oggi a Gerusalemme

09 marzo, 22:52 - Ansa-web

 

GERUSALEMME - L'ombra di un nuovo lotto di 1.600 alloggi, destinati a infoltire l'espansione degli insediamenti ebraici di Gerusalemme est - area a maggioranza araba la cui annessione a Israele non è riconosciuta dalla comunità internazionale -, torna ad allungarsi stasera sulle vaghe speranze di ripresa del dialogo israelo-palestinese. Ad annunciarne il via libera è stato il ministero dell' Interno israeliano, con un provvedimento che per alcuni oppositori ha il sapore della provocazione e che è stata condannata, fra gli altri, dalla Casa Bianca e dall'Autorità palestinese. E che appare anche uno schiaffo al vicepresidente Usa, Joe Biden, in visita oggi a Gerusalemme.

Il vice di Obama, che è a Gerusalemme nel tentativo di rilanciare il processo di pace dopo l'annuncio di ieri del mediatore George Mitchell dell'avvio di una tornata di negoziati indiretti (proximity talks) dopo un anno e mezzo di gelo, stasera ha condannato con decisione la scelta di Israele: "Per la sostanza - ha detto Biden - e il momento scelto per l'annuncio, in particolare con il varo deiNuovi insediamenti a Gerusalemme est, condanna Usa colloqui indiretti, è esattamente il tipo di atto che mina la fiducia di cui ora c'è bisogno". L'iniziativa è stata resa pubblica dal ministero - affidato nel governo di Benyamin Netanyahu a uno dei leader della destra religiosa, Eli Yishai, del partito Shas - con uno scarno comunicato dai toni burocratici.

Le 1.600 "unità abitative" - vi si legge - sono previste nell'insediamento ebraico ortodosso di Ramat Shlomo, lo stesso nel quale nel 2008 erano già state autorizzate 1.300 case, e il 30% sarà "riservato a giovani coppie". L'area - come hanno riconosciuto fonti ministeriali - é ben al di là della cosiddetta linea verde, ma è annessa al territorio municipale di Gerusalemme. Cosa che, stando alla linea del governo in carica, la rende parte inalienabile della "capitale eterna e indivisibile d'Israele". Per ora il permesso - rilasciato dalla commissione per la programmazione edilizia del dicastero - non risulta essere esecutivo, ma ha comunque già il placet del ministro Yishai. Secondo le fonti del ministero, la tempistica del provvedimento è "casuale". Altri, tuttavia, non la pensano affatto così.

Da Ramallah il capo negoziatore dell'Autorità nazionale palestinese (Anp), Saeb Erekat, ha messo l'accaduto immediatamente in relazione con la visita di Biden, affermando che l'annuncio è parte "di una politica sistematica volta a distruggere il processo di pace". Da parte sua il presidente palestinese, Abu Mazen, ha invocato provvedimenti da parte della Lega Araba. Critiche severe e accuse di sabotaggio sono venute pure da esponenti dell'opposizione israeliana e di movimenti pacifisti come Peace Now. Per Meir Margalit, capogruppo del Meretz (sinistra radicale sionista) al consiglio comunale di Gerusalemme, "la scelta dei tempi e il fatto che Yishai non abbia voluto aspettare neppure 2 o 3 giorni non sono per nulla causali": si tratta piuttosto di "una prova di forza" della destra religiosa con lo stesso Netanyahu, "colpevole" d'aver detto sì ai colloqui indiretti promossi dagli Usa.

"Il comunicato del ministero dell'Interno - ha denunciato Margalit - è un schiaffo in pieno viso al vicepresidente Biden", assestato nel giorno dei suoi colloqui ufficiali a Gerusalemme e all'indomani dell'invito esplicito, rivolto dal dipartimento di Stato a israeliani e palestinesi, a evitare di disseminare di ulteriori "ostacoli" il percorso negoziale. Uno schiaffo che, a parere dell'esponente del Meretz, non può non essere accolto come "una provocazione tanto dagli Stati Uniti, quanto dal primo ministro Netanyahu".

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/mondo/2010/03/09/visualizza_new.html_1731979610.html

Link a questa pagina: http://www.terrasantalibera.org/1600_case_per_coloni_a_Jerusalem.htm

"Notizie dalla Terra Santa"

Tutte le notizie e articoli contenuti in questo spazio web sono liberamente riproducibili (salvo successive controindicazioni degli autori e/o degli editori distributori) purchè citandone integralmente tutte le fonti (inclusa questa), gli autori, i traduttori e i links : informazione e contro-informazione devono essere libere  e alla portata di tutti. Chi, divulgando questi notiziari, omette di fornire le indicazioni sopra citate, o impedisce in qualsiasi modo  la  libera veicolazione delle notizie,  sabota gravemente  la libera informazione.